Post scritto da Andrea
il 16/06/2023

Storm Tattoo Nightmare

Un halloween di divertimento!

Logo Storm Tattoo Shop

Lo scorso novembre abbiamo sviluppato un advergame per lo studio di tatuaggi Storm Tattoo Shop. E si è rivelato un esperimento di grande successo, perché ha rappresentato in modo eccellente, nella sua semplicità, l'essenza del gaming come metodo di marketing, evidenziandone le sue molteplici sfaccettature.


Fin dall'inizio, la strategia ha incorporato tutti gli elementi necessari per garantire il successo di una campagna di marketing della durata di un solo giorno. Infatti, il videogioco Storm Tattoo Nightmare è stato lanciato la mezzanotte tra il 31 ottobre e l'1 novembre 2022, in occasione della festa di Halloween. E soltanto durante quella giornata i giocatori avevano la possibilità di vincere dei buoni sconto da utilizzare presso lo studio.


Dall'annuncio fino alla fine della giornata di Halloween, sono state registrate 489 partite giocate da giocatori unici; un risultato significativo per uno studio di tatuaggi di provincia aperto da meno di un anno!


In totale, sono stati distribuiti 22 buoni sconto ai fortunati (e abili) giocatori e, nei giorni immediatamente successibi all'evento, sono stati fissati ben 8 appuntamenti da clienti che avevano in mano i loro preziosi buoni sconto.

Questo piccolo risultato incarna in modo concreto l'anima pulsante degli advergame: coinvolgimento e conversione.

Se una piccola realtà locale come Storm Tattoo Shop, che non gode di un enorme seguito sui social media, è riuscita ad ottenere risultati così promettenti, è facile immaginare fino a che punto si possa arrivare applicando queste tecniche a grandi aziende che fanno della comunicazione online il loro principale punto di forza.


Questa piccola idea di coinvolgere i clienti ad Halloween (in un periodo post-pandemico che ancora non permetteva di organizzare chissà quali eventi dal vivo) che ha avuto Storm Tattoo Shop è un caso studio esemplare che ci ha dimostrato, dati alla mano, il potenziale del gaming come strumento di marketing, anche per aziende di dimensioni più ridotte e con una presenza online limitata.


Cosa mi resta da dire... See you in the next advergame!