Post scritto da Andrea
il 23/05/2023

Trap Concaverde Advergame

Come avvicinare i giovani allo sport del tiro a volo!

Logo Concaverde

Questa primavera, abbiamo avuto il piacere di lavorare allo sviluppo dell'advergame per il centro di tiro a volo Trap Concaverde di Lonato del Garda (Bs). Si tratta dell'area tiro a volo più grande del mondo (...), con i suoi 12 moduli con postazioni di tiro i quali, quest'estate, a luglio, ospiteranno i campionati mondiali di questo sport. Inutile dire con quanto entusiasmo abbiamo lavorato a questo progetto.

Come sempre, l'obbiettivo aziendale dei nostri clienti è il punto centrale dal quale partono le nostre idee di sviluppo della meccanica di gioco, della parte stilistica e, più di tutte, dell'esperienza offerta all'utente.


Nel caso di Concaverde, l'obbiettivo iniziale (e, di conseguenza, il target) è stato fin da subito chiaro e specifico: avvicinare i giovani a questo sport.


E un videogioco mobile, da integrare alla già avviata campagna di comunicazione dell'associazione, si è rivelato uno strumento azzeccato per arrivare a tanti nuovi potenziali tiratori; soprattutto quelli che, non conoscendo direttamente appassionati di questo sport, non avrebbero probabilmente mai avuto la possibilità di conoscere la disciplina.


Questa visione ci ha imposto fin da subito di non esagerare con le caratteristiche da Casual Game. Il gioco non doveva essere il classico fai-fuori-tutto-ciò-che-si-muove iper frenetico, ma, anzi, doveva far percepire (con le ovvie limitazioni si uno smartphone) cosa potesse significare la sensazione di doversi concentrare mentre si aspetta che parta in cielo il piattello e la prontezza di riflessi necessaria per abbatterlo. E, cosa non meno importante, dovendo l'esperienza di gioco adattarsi ad un target che andava dai giovanissimi alla generazione Y, abbiamo perfino preferito non andare troppo a risparmio con la difficoltà di gioco.


Ecco che un gameplay pseudo-simulativo è stata la strada che abbiamo fin da subito deciso di percorrere.


La funzionalità dell'advergame è stata indirizzata a far conoscere, far capire e anche un po' formare il giocatore riguardo le dinamiche del tiro a volo, con l'obbiettivo finale di invogliarlo a recarsi in sede per provare a sparare davvero al piattello. Sì, perché la fine del gioco, indipendentemente dal punteggio totalizzato, integra la possibilità di prenotare una sessione di tiro direttamente in loco a Lonato, con un istruttore qualificato! Una call to action più semplice che mai.


Tutta l'esperienza di sparo vero e proprio all'interno del videogame è preceduta da un intro e un articolato tutorial (ovviamente skippabile dalla seconda partita in poi) funzionali a spiegare cosa sia la sicurezza, quanto sia importante durante la pratica di tiro al piattello e cosa siano attrezzatura e comportamenti da tenere in area tiro per assicurarla.

Foto di Clayton

Tutto questo condito con la presenza della mascotte ufficiale del Concaverde Shooting Range: Clayton! Insegnante e protagonista del gioco"


Eccolo:

Cayton Pixel Art

Non siete curiosi di vederlo cavalcare una nuvoletta come Lakitu?